Dal BLOG DI JB Pro Center

King Of The Air 2022

Scritto da Elliott Tauscher, Brand Manager di Slingshot Kite.

Il 10° anniversario del King Of The Air (KOTA) si è svolto sabato 26 novembre con raffiche di oltre 50 nodi, il vento più forte mai registrato nella storia del KOTA. Per me e il pilota Slingshot Jeremy Burlando era la prima volta che venivamo a Città del Capo, in Sudafrica, per vivere il KOTA. Entrambi siamo rimasti impressionati dall’enorme numero di fan che sono venuti a guardare e a sostenere i 18 migliori kiteboarder big air del mondo. 

Nelle due settimane precedenti al KOTA, siamo stati estremamente sfortunati con il vento e Jeremy non ha avuto un solo giorno di allenamento sopra i 25 nodi. Traduzione: Jeremy non aveva visto Città del Capo come si deve. Mentre guidavamo dalla nostra casa all’evento, la nuvola sulla Table Mountain era in piena attività, le previsioni del vento sembravano perfette e sapevamo che oggi sarebbe stato diverso. Si sentiva l’eccitazione: dai corridori allo staff, fino alla folla, tutti erano eccitati e pronti a vedere cosa avrebbero fatto questi atleti professionisti in condizioni così estreme. 

L’incontro con i rider è iniziato con l’annuncio che questo sarebbe stato l’evento KOTA più ventoso della storia, e gli organizzatori hanno pianificato di approfittare delle condizioni di vento record svolgendo l’evento per intero in un giorno e che il King of The Air 2022 sarebbe stato incoronato la sera stessa. 

Il primo turno di Jeremy è stato contro Stig Hoefnagel e Edgar Ulrich. Jeremy è uscito con il suo Code 8m e ha subito messo a segno un’incredibile combo di trick: un enorme kite loop con triplo front roll board off, poi un contra loop quad front roll tic tac e un contra loop quad back roll board spin. Poi è passato al suo Code 6m e ha eseguito un enorme doppio kite loop e un doppio kite loop back roll per piazzarsi al secondo posto nella prima manche. Guardando dalla spiaggia, ero in soggezione per la bravura di Jeremy, un diciassettenne che partecipava alla sua prima KOTA, e che faceva dei trick a cui non riuscivo nemmeno a pensare, figuriamoci a dare un nome (e nemmeno a sillabare correttamente per questo report!). 

Jeremy è uscito dall’acqua entusiasta di aver eseguito i trick che aveva imparato con tanta fatica e di poter avanzare al secondo turno per competere contro Giel Vlugt. Man mano che le manche proseguivano e che ci si avvicinava al secondo turno e al ritorno in acqua di Jeremy, si poteva vedere e sentire l’intensità della giornata iniziare a crescere. A differenza della prima manche a tre, la manche successiva era uno contro uno, tutto o niente. Se Jeremy vinceva, passava al terzo turno; se perdeva, era completamente fuori dall’evento. Jeremy ha partecipato a molte gare e ha vinto molte gare, ma il KOTA è diverso: è l’evento più stressante e di alto livello del kiteboarding. Ma Jeremy ha portato il suo riding a un altro livello quest’anno e sapevo che era più che preparato e aveva un bagaglio di trick incredibili che non aveva ancora stappato.

Quando è iniziato il secondo round, il vento soffiava a 40 nodi e Jeremy non vedeva l’ora di tornare in acqua con il suo Code da 8 metri e di fare il salto più grande che avesse mai fatto. Il corno suonò e la bandiera verde si alzò. Jeremy è arrivato per primo al kicker e ha fatto partire un enorme kite loop double front roll board. La folla è impazzita e noi abbiamo pensato: “Ci siamo… Jeremy è ON”. Poi Giel ha lanciato un enorme doppio kite loop late back roll. Sarebbe stata una battaglia epica tra i due. Sfortunatamente, i nervi e la mancanza di allenamento a Città del Capo si sono fatti sentire e Jeremy è caduto per tre volte di seguito su rotazioni eccessive, perdendo una volta la tavola per qualche secondo verso la fine della heat. E, bam, in un attimo Jeremy è stato messo fuori gioco dal King of The Air.

Quando è uscito dall’acqua, si poteva vedere l’incredulità e la delusione di Jeremy. Mentre atterrava il suo kite e si rendeva conto di essere stato messo fuori gioco, la frustrazione verso se stesso ha preso il sopravvento. Jeremy aveva bisogno di un po’ di tempo per sé, lontano dalla folla e dagli altri concorrenti. Mentre Jeremy era seduto in macchina con me e con il compagno di squadra di Slingshot Kimo Verkerk, si è decompresso dalla sua eliminazione e ha lentamente fatto i conti con quello che era successo, isolando e identificando i suoi errori. In questo momento, nonostante la delusione, Jeremy è stato in grado di imparare dall’esperienza. Sono rimasto scioccato dalla maturità e dalla lucidità di questo diciassettenne. Io e Slingshot non siamo mai stati così orgogliosi di Jeremy. Quando ha deciso di raccogliere la sua attrezzatura, ho cercato di aiutarlo a ricordare questo momento e a imparare dagli errori, ma anche a capire che questo è solo l’inizio per lui.

 

Mentre l’evento continuava, Jeremy guardava i suoi due cari amici, Lorenzo Casati e Andrea Principi, avanzare in finale. Jeremy era in prima fila sulla spiaggia per fare il tifo per i suoi due amici italiani mentre facevano il più grande KOTA mai visto, con loop di kite alti più di 30 metri e raffiche di vento di oltre 50 nodi. Quando i due sono usciti dall’acqua, Jeremy si è congratulato per primo con Lorenzo, che era appena diventato il King of The Air 2022. Non posso immaginare la sensazione di eccitazione mista a delusione che ha provato in questo momento. Jeremy è un concorrente fino al midollo e voleva essere sotto i riflettori. Ma oggi non era lui, né il suo momento: erano i suoi migliori amici.

Quando il sole è tramontato e tutte le emozioni della giornata hanno cominciato a placarsi, la motivazione di Jeremy ha cominciato a tornare e così ha parlato di allenarsi più duramente, di diventare più grande e di tornare l’anno prossimo con vendetta. Il viaggio di Jeremy come kiteboarder professionista è appena iniziato e sono entusiasta di vedere cosa può fare e dove porterà il suo riding. Non sono mai stato così orgoglioso ed entusiasta di far parte del viaggio di Jeremy e spero che lo siate anche voi. 

YouTube

By loading the video, you agree to YouTube's privacy policy.
Learn more

Load video

ASCOLTA IL VENTO E VIENI A DIVERTIRTI CON NOI!