Dal BLOG DI JB Pro Center

Gli spot perfetti dove fare kitesurf in Italia

Spiagge caraibiche, sole, vento costante e mare cristallino…questo è quello che tutti sogniamo quando pensiamo ad un’uscita perfetta di kite.

Sicuramente esistono posti esotici meravigliosi, ma si può fare kite su spiagge bianche e in acque trasparenti anche in Italia, a pochi km da casa.

Vediamo quindi come scegliere il giusto spot per imparare a fare kite.

dove fare kite in italia kitesurf principiante

Premesse per il kitesurf principiante

Iniziamo subito con una notizia che sembra ovvia, ma che è importante specificare in questa fase.

In termini assoluti, lo spot perfetto dove fare kitesurf NON ESISTE.

Ogni luogo è caratterizzato dalle sue tipicità, in termini di vento, acqua e paesaggio, che lo differenzia dagli altri, anche in maniera sostanziale. 

Nel tuo percorso di kiter incontrerai molte persone e ognuna avrà il proprio posto preferito: c’è chi porta nel cuore qualche posto esotico e chi ama Lo Stagnone, chi preferisce surfare sulle onde, chi esce solo con più di 20 nodi, chi fa freestyle, insomma ce n’è per tutti i gusti.

Con il tempo ti farai la tua esperienza e avrai le tue preferenze, nel frattempo il team di Jeremy Burlando Pro Center ha raccolto per te qualche consiglio su come scegliere in autonomia lo spot ideale per imparare a fare kite.

Lo spot giusto rispetta queste 4 regole 

Per un kitesurf principiante, che non ha ancora dimestichezza con la vela o con le manovre di sicurezza, lo spot ideale dove fare kitesurf non è quello solo con la migliore probabilità di vento.

Dopo tanti anni di corsi possiamo affermare con sicurezza che, per apprendere le basi di questo sport rapidamente e in serenità, è fondamentale che un kitesurf principiante trovi il mix perfetto di questi 4 fattori:

Vento

Vento leggero o vento forte? 

Per imparare a fare kite, possibilmente nè l’uno nè l’altro.

Se il vento è troppo debole infatti faticherai a far volare la vela e ad alzarti dall’acqua. Con il vento troppo forte invece le manovre devono essere molto precise e per un kitesurf principiante uscire potrebbe diventare pericoloso.

L’ideale sarebbe avere un vento side-on -ovvero dal mare verso la spiaggia-, costante e compreso tra i 12 e i 20 nodi.

Ovviamente il vento non è prevedibile con precisione e largo anticipo, ma ci si può documentare con semplicità: ogni luogo tende infatti ad avere una sua probabilità di vento in ogni stagione e le principali App (come windguru o windfinder, per citare le più famose) riportano solitamente le statistiche storiche mensili del vento nei principali spot mondiali.

Spiaggia

La condizione perfetta per un kitesurf principiante è partire da una spiaggia ampia e sgombra da ostacoli e rocce, in cui poter stendere e controllare con calma le linee e poi alzare la vela direttamente dall’acqua.

Acqua

Dopo le prime lezioni di teoria, arriva finalmente il momento di entrare in acqua.
Anche qui la domanda del kitesurf principiante sorge spontanea: meglio acqua alta o acqua bassa?

Per non dover gestire inizialmente anche la difficoltà del galleggiamento, l’ideale sarebbe imparare in uno spot con acqua alta fino alla vita, senza onde, e con fondale sabbioso -senza ricci, pali o scogli-.

Con l’acqua bassa sarà infatti più semplice infilare la tavola e recuperarla e tornare indietro camminando quando non sai ancora bolinare. 

L’unico lato negativo è che potresti abituarti troppo bene! 😉
Per essere autonomo anche negli spot di acqua alta, assicurati perciò che scuole kite in cui farai il corso ti preparino seriamente sulla tecnica del bodydrag, che ti sarà molto utile per risalire l’acqua e recuperare la tavola in qualunque condizione.

Scuole kite 

La scelta del giusto spot dove fare kitesurf per un principiante non prescinde anche dall’avere una scuola di riferimento.

Le scuole kite infatti organizzano battesimi del mare -per chi vuole provare questo sport-, corsi per principianti e corsi avanzati per migliorare la tecnica.

Ma non solo. Le scuole kite serie:

  • hanno istruttori IKO professionisti che possono seguirti in un percorso personalizzato;
  • sono in grado di noleggiarti l’attrezzatura nel caso tu non l’abbia ancora, o non abbia la vela corretta per le condizioni di vento della giornata;
  • effettuano un servizio rescue in caso di acqua alta o problemi con la vela.

La scelta delle giuste scuole kite, la serietà e metodi dell’istruttore hanno un grande effetto sulla rapidità e sulla tranquillità con cui imparerai a fare kite.
Chiedi sempre informazioni prima di prenotare! 

5 spot perfetti dove fare kitesurf in Italia per imparare

In Italia abbiamo la fortuna di avere molti luoghi bellissimi in cui divertirci in questo sport meraviglioso.

Questi sono gli spot consigliati dal team di Jeremy Burlando Pro Center per il kitesurf principiante. 

Ovvero quelli che, più di tutti, rispondono alle caratteristiche di vento, spiaggia e acqua, che abbiamo appena descritto.

Lo Stagnone di Marsala – Sicilia

kite lo stagnone marsala
Lo Stagnone di Marsala al tramonto è uno spot perfetto dove fare kite

I vigneti e le saline della costa ovest della Sicilia nascondono alla vista una grande laguna di acqua bassa e senza onda, chiamata Lo Stagnone.

In questo caso noi siamo di parte: dopo aver passato anni a visitare i migliori spot del mondo infatti il nostro team ha scelto proprio Lo Stagnone di Marsala come il luogo ideale per aprire il Jeremy Burlando Pro Center. 

E non potremmo esserne più soddisfatti.

A Lo Stagnone il vento soffia per 300 giorni all’anno, l’acqua è calda e bassa, il fondale morbido attutisce le prime cadute e le temperature miti della Sicilia ci consentono di entrare comodamente in acqua per tutto l’anno.

Nel periodo estivo il vento è quasi sempre termico e quindi supera raramente i 20 nodi, rendendo lo Stagnone perfetto per il kitesurf principiante.

Prova l’esperienza del kite camp o la formula corso base + 2 notti allo Stagnone. (LINK alla pagina del sito)

Punta Trettu – Sardegna

Nella parte meridionale della Sardegna, in provincia di Cagliari, c’è una lunga lingua di sabbia bianca, chiamata Punta Trettu, che termina in una laguna di acqua piatta e cristallina.

La presenza di venti costanti e i fondali bassi e sabbiosi, rendono Punta Trettu il luogo ideale per il kitesurf principiante, ma anche uno spot perfetto per gli amanti del freestyle.

Vieste – Puglia

vieste dove fare kite
La spiaggia del Pizzomunno a Vieste

Sulle lunghe coste del Gargano troverete una grande scelta di spot belli dove fare kitesurf.

Qui siamo in mare aperto, ma le spiagge sabbiose e le acque poco profonde attraggono numerosi windsurfer e kiter.

Per il kitesurf principiante, in particolare, segnaliamo lo spot di Spiaggia Lunga, che ha una grande spiaggia bianca e protetta dalle onde.

Talamone – Toscana

Nella baia di Talamone, a circa 20 km da Grosseto, si trova uno degli spot più frequentati dove fare kitesurf in Italia centrale, adatto a tutti i livelli.

Il kitesurf principiante troverà acqua bassa e fondale sabbioso. 

E per i giorni di poco vento, la vicinanza con il Parco della Maremma offre una serie di attività all’aria aperta anche in piena estate.

Lago di Idro – Trentino

lago di idro dove fare kite
La spiaggia del Lago di Idro, in Trentino: uno spot di lago dall’accesso semplice anche per un kitesurf principiante

Per quanto riguarda le uscite al lago, segnaliamo un luogo poco noto, ma incantevole, come il Lago di Idro. 

A differenza del vicino, e più famoso, Lago di Garda, qui il kitesurf principiante avrà la possibilità di entrare in acqua con comodità dalla spiaggia e lasciare le vele nel prato adiacente il lago.

Naturalmente l’acqua è più fonda degli spot che abbiamo consigliato in precedenza, ma grazie alla Maselli Kite School avrete a disposizione tutto il supporto necessario. 

I consigli del team di Jeremy Burlando Pro Center

Ora hai qualche informazione in più su dove imparare a fare kite.

Eccoti allora qualche consiglio aggiuntivo dei nostri istruttori:

1 – Impara a leggere il Meteo

Ovunque tu sia, informarsi sulle condizioni del vento e sulle perturbazioni prima di uscire in kite è fondamentale per evitare brutte sorprese.

Se non ti senti sicuro, chiedi alle scuole di kite del luogo o ad altri kiters più esperti. 

2 – Scaricati le App di analisi del vento 

Ogni kiter ha sul telefono almeno 2 o 3 app di vento, che consulta in continuazione. 

Le principali sono windguru e windfinder, ma ne esistono anche molte altre. 

Oltre alle previsioni di vento dei giorni seguenti, troverai anche alcune funzioni legate alla stagionalità e ai top spot

3 – Se sei in uno spot di mare aperto, non uscire con il vento che soffia da terra

Finchè non avrai l’esperienza per gestire l’andatura di bolina ed eventuali imprevisti, scegli giornate con un vento side-on, che ti riporti sempre verso la spiaggia.

4 – La grandezza della vela dev’essere sempre proporzionale al tuo peso e alla potenza del vento. 

Soprattutto all’inizio della tua esperienza con il kitesurf, quando non avrai ancora a disposizione un’attrezzatura completa, non rischiare: chiedi consiglio e supporto a scuole kite che possano noleggiarti l’attrezzatura adatta alle condizioni del vento.

5 – Tra i tanti spot super fighi in cui organizzare una vacanza di sport e divertimento con il kitesurf, trova anche uno spot vicino a casa.

Forse non avrà un mare cristallino o il vento perfetto, ma sarà il posto in cui potrai allenarti più spesso e che ti permetterà quindi di progredire più velocemente.

Se stai cercando un posto dove fare kitesurf in Italia, o hai bisogno di qualche altra informazione, puoi contattare Jeremy Burlando Pro Center.

Saremo lieti di darti i nostri consigli!

ASCOLTA IL VENTO E VIENI A DIVERTIRTI CON NOI!